Barranco de Poqueira

Barranco de Poqueira

LoadingAggiungi ai Il mio Granada

L’itinerario che passa da Pampaneira, da Bubión e da Capileira, il cuore dell'Alpujarra, nel Barranco del Poqueira, permette al viaggiatore di contemplare sorprendenti paesaggi.

Elena Llompart

Una delle opzioni può essere iniziare il percorso da Pampaneira. Dalla piazza della Chiesa, si prende la strada Estación fino alla parte alta del paese, si passa vicino a un lavatoio pubblico. L’antica strada reale che collegava Pampaneira con Bubión, inizia dalle ultime case del paese: un sentiero che anticamente costituiva la principale via di comunicazione tra le due popolazioni.

I paesi del Poqueira
Dopo essere usciti da Pampaneira, si scorge una curiosa prospettiva del paese fatta di case scaglionate con ‘ terraos’ grigi, nomi con i quali ci si riferisce ai tetti delle case ricoperte con un materiale argilloso che qui viene detto ‘ launa’. La strada che ascende soavemente tra terrazzamenti coltivabili scaglionati sul pendio, cosparsi di alberi da frutta ed altri alberi caratteristici come il castagno o il morale, è testimone di epoche passate nelle quali l’Alpujarra emerse per la sua prospera industria di seta. Questo paesaggio culturale si estende su entrambi i pendii del burrone, da un lato e dall’altro del fiume Poqueira e rappresenta anche il lascito dei moreschi che colonizzarono Sierra Nevada. Fin dall’inizio dell’itinerario si può osservare l’effetto dell’azione umana sui pendii. La vegetazione naturale venne sostituita dalle coltivazioni a terrazzamento che si estendono su entrambi i lati del burrone e che arrivano fino a circa 2.000 metri sul livello del mare. Per rendere produttiva l’agricoltura montana venne progettata una complessa rete di canali che si conserva tutt’oggi. Questa rete di canali ha un gran valore culturale, non solo per ciò che concerne all’agricoltura, ma anche per la sua enorme ripercussione sul paesaggio e sugli ecosistemi.

Dopo circa 45 minuti di salita si arriva alle case dal quartiere Hondo di Bubión. Il paese si attraversa dalla parte bassa, si passa vicino alla Chiesa, in direzione dal palazzetto dello sport e si prende il cammino che sale fino a Capileira, che passa sotto e quasi parallelo all’attuale strada. Il sentiero passa vicino ad alcune fattorie ristrutturate e attraversa terrazzamenti coltivati che colpiscono l’attenzione per l’abbondanza di ciliegi, di meli, di peri e di peschi. Dopo circa due chilometri di risalita si arriva a Capileira, il paese più luminoso del Burrone, perchè grazie alla sua altezza riceve il maggior numero di ore di sole al giorno. Il viaggiatore attraverserà Capileira, i suoi ‘tinaos’ e le sue strette strade e ridiscenderà il fiume per continuare l’itinerario.

Per arrivare al Punte Chiscar si può prendere la strada che esce dalle Ere de Aldeire, oppure prendere il cammino che va dalle ultime case della parte bassa del paese. Le due strade di discesa conducono il viaggiatore verso il ponte, che dev’essere attraversato per intraprendere il viaggio di ritorno, questa volta in direzione sud. Il cammino di ritorno si effettua attraverso un gradevole sentiero, senza salite né discese, tra antichi appezzamenti e fattorie tradizionali. Dopo aver attraversato il Barranco de Haza Redonda, tra castagni e vegetazione propria di una zona umida e fresca e prima di arrivare al Barranco de las Rosas, la strada inizia a salire soavemente fino ad attraversare il burrone in mezzo ad un boschetto di ginestra ghiandolosa.

Il viaggiatore ha davanti a sé un panorama singolare dei paesi del Poqueira e delle sue case bianche con ‘terraos’ grigi scaglionati sul pendio. Se si guarda verso il cammino dell’andata, si può contemplare il bacino alto del fiume Poqueira con l’immensità del Mulhacén al fondo. Dopo una discesa in un boschetto di roveri si attraversa di nuovo il fiume mediante il Ponte della Higuerilla o del Mulino, chiamato così perché si trova vicino alle rovine di un antico mulino. Poi si continua per il sentiero che attraversa i campi coltivati e si scende per un burrone secondario, popolato da pioppi, fino ad arrivare a Bubión. In questo percorso di ritorno si entra a Bubión attraverso il palazzetto dello sport. Successivamente si continua in direzione della Chiesa e alla fine si riprende la strada reale che si prese già all’andata e si torna a Pampaneira, dove finisce l’itinerario.

GASTRONOMIA
Un’infinità di piatti da degustare

Il prosciutto è il re dei piatti dell’Alpujarra; a Pampaneira sono importanti anche piatti come la zuppa alpujarreña, il bollito alla gitanilla, le patate a lo pobre, le migas campestri, il capretto al cortijero o all’ajo cabañil e le farinate pimentonas. Il denominato piatto alpujarreño, consta di patate a lo pobre, uovo fritto, prosciutto, salsiccia, sanguinaccio e peperoni fritti. Nella regione si possono degustare anche i dolci moreschi, le ciambelle di Pampaneira, i borrachillos, la torta de lata e le frittelle di cioccolato. A Bubión non mancano i classici piatti della regione e i suoi famosi cosciotti e salami a che si mangiano all’ombra dei castagni e dei ciliegi. I piatti più succulenti della gastronomia di Capileira sono i famosi bolliti, gli stufati, le migas e le farinate, oltre alla selezione dolciaria propria di questo paese.

ARCHITETTURA
I ‘ tinaos’, l’economia dello spazio

L’architettura dei paesi del Poqueira è molto semplice. Ciò è dovuto all’isolamento storico della zona che obbligò i paesani all’uso di materiali facili da trovare nelle zone circostanti. La forma più semplice per iniziare una costruzione consiste nella ricerca di spazi piani sul pendio della montagna. Ogni casa si appoggia su quella sottostante. Le strade sono rialzate e le case sono situate in modo scaglionato, con tetti piani di ardesia che fungono da terrazza della casa che sta sopra, come le case del Nord dell’Africa. Le case sono completamente adattate al terreno montagnoso sul quale si trovano. Uno dei modi migliori per utilizzare lo spazio sono i ‘ tinaos’ dell’Alpujarra, che sono strade pubbliche coperte, tra una casa e un’altra, sulle quali si crea un nuovo spazio.

MIDE

    • The route and its orientation
    • Requires exact identification of geographical features and cardinal points
    • Indicates the effort required
    • Over 1 hour and up to 3 hours (2+1) of effective walking
    • Indicates the harshness of the terrain
    • More than one risk factor
    • Indicates the difficulty of the walk
    • Walk on paths with steps or irregular surfaces



Login

Registro | Contraseña perdida?