Dólar

Informazione turisticaStoriaGastronomia

Dólar si trova al di sopra dei 1.200 metri; il suo nucleo urbano circonda le falde di una collina sulla cui cima si trovano i resti di un antico castello medievale. Si pensa che il suo nome derivi dal termine dolaria, che fa riferimento a un luogo di abbondante legno: potrebbe essere possibile visto che Dólar è circondato da folti boschi. 

La fortezza che presiede la popolazione venne costruita durante l’epoca nazarí su un insediamento anteriore. Attualmente sono visibili due strutture rettangolari e alcune parti della costruzione, tra cui i resti di tre torri e una cisterna. L’ascensione fino a questi resti vale la pena, poiché costituiscono uno splendido belvedere.

Il municipio di Dólar fa parte del Parco Naturale di Sierra Nevada ed è un luogo ideale per praticare trekking. Si possono realizzare anche itinerari a cavallo, in bicicletta o a piedi sempre in stretto contatto con la natura.

Secondo fonti documentrie Dólar risale al XII secolo. Ma secondo i resti ritrovati nella località è molto più antica. Date le abbondanti dimostrazioni mozarabe presenti nella zona durante l’epoca della conquista dei Re Cattolici, risale al periodo del Basso Impero Romano e all’epoca visigota.

Non si hanno molti dati sull’origine di questa popolazione. Durante l’epoca araba vennero sfruttate le sue risorse minerarie, che erano il principale mezzo di sussistenza dei suoi abitanti. Più tardi, con la Riconquista, il municipio passò a far parte del Marchesato di Rodrigo de Mendoza. Come il resto di paesi della regione soffrì l’espulsione dei moreschi, dopo l’insurrezione degli anni 1568 e 1571; successivamente venne ripopolato con coloni provenienti da altre regioni.

È un luogo dove si possono degustare eccellenti insaccati e capretti, un piatto molto comune è lo stufato di capretto. In questa località si preparano anche ottimi telerines, un piatto di tagliatelle preparate con pomodoro, peperoni e cipolla ed accompagnati da lepre, salsiccia o baccalà. La sua golosa pasticceria si basa su ricette moresche e sui prodotti elaborati con mandorla. Come i famosi ‘huevos moll’ che si preparano durante la Settimana di Pasqua a base di uovo, latte e cannella, o le ‘hijuelas’  a base di farina, latte e uovo.

Cerca sulla mappa

Informazione del comune:

Regione: Guadix e El Marquesado
Codice di Avviamento Postale (CAP) 18512
Distanza da Granada: 77
Popolazione: 592
Gentilizio: Dolorios
Web ufficiale: ayuntamientodolar.es
Filtra per:

Ermitas de San Andrés

Dólar

Nella parte posteriore del paese, all’altro lato del monte, si trova l’eremo di Sant’Andrea e Sant’Antonio, patrono della località, che possiede un soffitto a cassettoni mudéjar di gran valore artistico.

Iglesia parroquial de Nuestra Señora de la Anunciación

Dólar

Questa opera venne realizzata a metà del XVII secolo con chiara influenza architettonica della Cattedrale di Guadix. Venne costruita nel 1673 perché la precedente chiesa edificata sull’antica moschea musulmana agli inizi del secolo XVI, era troppo piccola. La nuova chiesa [...]

Baño árabe. Centro de interpretación El Agua en Al-Andalus

Dólar

I bagni arabi vennero scoperti da poco nelle cantine del Municipio. Si strutturano su tre sale a volta. Funzionarono fino al 1566.

Sant’Andrea

Dólar

Feste patronali in onore a Sant’Andrea che si festeggiano con corride e corse insieme ai tori.

Fiera di Agosto

Dólar

Durante il mese di agosto a Dólar ci sono Fiere e sagre popolari. A queste feste partecipano molti emigranti che tornano alla località natale per passare le vacanze.

Giorno della Croce

Dólar

A maggio Dólar erge le popolari croci che i paesani vegliano durante tutta la notte. Il giorno dopo vanno a contemplarle in giro per il paese.



Login

Registro | Contraseña perdida?