Caniles

Informazione turisticaStoriaGastronomia

Caniles si trova nel Parco Naturale della Sierra di Baza per cui gode di abbondante vegetazione e di magnifici paesaggi. È punto di riferimento delle visite, delle escursioni o degli accampamenti nel parco. È ricca di giacimenti di rame, ferro, piombo e altri minerali e nella ‘ Fabriquilla del oro’ si conservano ancora diverse cisterne e chilometri di canali per trasportare l’acqua all’imianto per il lavaggio dei minerali. Nella popolazione si trovano numerose grotte abitate e si può apprezzare il singolare tracciato delle strade, ampie e diritte. Canile celebra le sue feste patronali il 20 gennaio in onore a San Sebastiano, e mantiene la tradizione del ‘Furto del santo’. Durante la Settimana Santa sono molto popolari ‘La notte degli armaos ‘, il ‘ Giorno della Vecchia’ nel quale i suoi abitanti vanno in campagna e la mattiniera ‘ Veronica’. Inoltre nel mese di agosto il Municipio organizza l’Incontro Nazionale Villa di Caniles, un incontro nazionale che riunisce gruppi di cori e danze di tutta la Spagna.


A Caniles appartengono: Balax, Rejano, Francés, Gallardos, Jauca, Pinos, Yeseras, Vega, Bodurria, Maclite, Olmos, Molineras e Uclías.

Le origini di Caniles risalgono all’epoca preistorica, come testimoniano i giacimenti ritrovati nella Grotta de la Pastora o nel Poblado de los Montes de Piedra. Sono stati ritrovati numerosi utensili dell’epoca Paleolitica, del periodo Neolitico, come il cosiddetto Vaso de Caniles e della cultura íbera. Durante la dominazione romana vennero sfruttate le miniere d’oro e probabilmente in questo stesso periodo iniziò la costruzione delle infrastrutture per la canalizzazione dell’acqua. Durante l’epoca araba, con nome di Canilla, raggiunge il suo massimo splendore continuando con lo sfruttamento delle risorse aurifere, perfezionando gli antichi sistemi di irrigazione e costruendo nuovi canali. Nello stesso tempo viene costruita uan torre di vedetta, ‘ La Torre’, per comunicarsi e vigilare la zona. Durante l’epoca nazarí la località ricevette il nome di Caniles.

Per colpa della sua posizione di frontiera venne assediata durante molti anni dalle truppe castigliane dalle quali venne considerata come una delle forztezze più difficili da conquistare. Nel 1489 il conte di Tendilla, in nome dei Re Cattolici, la occupò definitivamente e divento Caniles de Baza. Nel 1568 la popolazione, prevalentemente moresca, dopo l’insurrezione e la posteriore espulsione, venne ridotta drasticamente. Nel 1679 ottenne la sua indipendenza da Baza della quale dipendeva dal 1501. Solo da qualche decennio ricevette il titolo di cittadina e perse il patronimico di ‘Baza’ rimanendo solo Caniles.

Caniles possiede un’eccellente produzione di legumi, ortaggi, frutta, olive e mandorle, oltre che una ricca cacciaggione e un grande allevamento di bestiame. I piatti tipici sono la farinata con acciughe e funghi della Sierra di Baza, la olla matancera di rape, il gazpacho bianco, le farinate con carne di lepre e il coniglio fritto con i pomodori dell’orto. I dolci tradizionali sono le torte di ciccioli, la ciambella de las Viejas o le torte di matalahúva.

Cerca sulla mappa

Informazione del comune:

Regione: El Altiplano: Comarcas de Baza e Huéscar
Municipio: Caniles
Codice di Avviamento Postale (CAP) 18810
Distanza da Granada: 114
Popolazione: 5303
Gentilizio: Canileros
Web ufficiale: www.caniles.es

PLANEA TU VIAJE

Filtra per:
Escursioni

Casa Mancebos

Caniles

Casa di una famiglia della borghesia granadina, costruita a metà del XVIII secolo. È uno degli edifici più antichi di Caniles e risalta per la ricchezza degli elementi decorativi degli interni. Diede luogo alla nascita dell’attuale strada Nueva.

Chiesa di Santa Maria e di San Pietro

Caniles

La Chiesa di Santa Maria venne costruita nel XVI secolo su un’antica moschea principale. Nel 1792 venne annessa la Parrocchia di San Pietro. Possiede un soffitto a cassettoni mudéjar di una facciata di mattoni. Nel 1642 vennero aggiunte due navate [...]

Eremo di San Sebastiano

Caniles

Eremo di stile mudéjar, costruito nel XVII secolo su un antico cimitero arabo. Possiede una sola navata.

Pósito

Caniles

Edificio del XVIII secolo che risalta per la sua facciata principale. L’arco della porta è decorato con lo scudo di Carlos III che lo fece costruite con un pezzo di marmo bianco. L’edificio è stato utilizzato come teatro, scuola, magazzino [...]

Fuente de los Seis Caños

Caniles

Fontana con sei rubinetti d’acqua che risale al 1910. Trasporta l’acqua dalla sorgente fino a Caniles.

Itinerario di Ibn al-Jatib

La Itinerario ricrea la rotta da Murcia a Granada realizzata dall’ultimo storiografo della Spagna musulmana, Ibn al-Jatib, che nacque a Loja nel 1313 e morì a Fez nel 1370. Attraversa paesaggi molto caratteristici della Sierra di María, che si trova [...]

Giorno della Vecchia

Caniles

Si celebra il mercoledì di Quaresima. Proviene da una pausa nel digiuno della Quaresima. Questo mercoledì si effettua un pranzo all’aperto; le bambine portano nastri nei capelli e i bambini cappelli di carta e scabole di legno.Data inizio: mercoledì a [...]

Fiera e feste d’agosto

Caniles

Si celebrano ad agosto e durano cinque giorni. La data non è fissa ma oscilla sempre tra i primi quindici giorni del mese. Queste feste sono dedicate agli abitanti di Caniles che non vivono nel paese.

Feste patronali di Sant’Antonio

Caniles

Festa dedicada a Sant’Antonio di Padova patrono della località.

Feste patronali de San Sebastiano

Caniles

San Sebastiano il giovane militare romano al quale i suoi assassini uccisero a frecciate fino a ridurlo come un riccio, è uno dei Santi più celebrati nella provincia. La popolarità del Santo si deve anche al fervore che aveva per [...]



Login

Registro | Contraseña perdida?