Bérchules

Informazione turisticaStoriaGastronomia

Il comune di Bérchules comprende le località di Alcútar e Bérchules. Nella strada che unisce le due località si trova la Fuente de lad Carmelas, una delle fontane più famose della regione perché una leggenda assicura che le persone in cerca di coppia che bevono dalla fontana incontrano l’anima gemella dopo poco tempo.

Questa località si trova sul versante meridionale del Parco Naturale di Sierra Nevada, in alta montagna, tra meravigliose zone naturali e sorgenti di acque ferruginose e carbonate. Bérchules possiede una sorgente chiamata Fuente Agria che si trova nella valle del fiume Guadalfeo. Le sue case bianche con tetti piani e le sue strade scaglionate, perfettamente adattate alla conformazione fisica del terreno le conferiscono la tipica architettura alpujarreña.

Menzione a parte merita la notte di San Silvestro che a Bérchules si festeggia a agosto. Il motivo si deve al fatto che un anno a Capodanno se ne andó la luce e gli abitanti non ascoltarono le dodici campanate della televisione. I berchuleros decisero di mangiare i chicci d’uva (tipica tradizione spagnola per la quale la notte di capodanno al suono delle campane si mangiano dodici chicchi d’uva) in piena estate.

L’origine di Bérchules risale al VIII secolo al periodo mozarabo, anche se raggiunse il suo massimo splendore e ricchezza durante il regno Nazarí grazie alla produzione di seta, ortaggi, vino, frutti secchi e essenze aromatiche che venivano venduti alle altre province del Regno di Granada. Dopo ribellione dei moreschi del XVI secolo, Juan de Austria li espulse municipio. Successivamente la località venne ripopolata con coloni di altre parti della Spagna.

Esistono due teorie sull’origine del nome della località. Secondo la prima teoria il nome proviene dall’arabo berchul che significa orto. Ciò si deve all’abbondanza di orti e alla fertilità delle sue terre. La secondaa teoria indica che il suo nome risale a Banu Asad, la famiglia che si stanziò nella zona.

L’altra frazione del municipio, Alcútar, si traduce invece con ‘fonte del paradiso’ ma venne chiamata anche Alcunça o Alcunza.

In questo municipio si trovano ottime trote dei suoi fiumi, le ‘migas’, i prosciutti e gli insaccati. Una delle sue ricette più tipiche è la zuppa di fagioli.

Cerca sulla mappa

Informazione del comune:

Regione: Alpujarra e Valle de Lecrín
Poblaciones del municipio: Alcútar
Codice di Avviamento Postale (CAP) 18451
Distanza da Granada: 108
Popolazione: 807
Gentilizio: Berchuleros
Web ufficiale: www.berchules.es
Filtra per:

Chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista

Bérchules

La chiesa di Bérchules venne costruita tra i secoli XVI e XVII su un’antica moschea. Il suo soffitto a cassettoni e la torre sono di stile múdejar

San Pantaleone

Bérchules

Nella festa del patrono di Bérchules l’immagine del Santo si porta in processione e si organizzano atti festivi e tornei di diversa natura. Durante questi giorni di festa si organizza una sagra popolare molto famosa.

Feste a San Marco

Bérchules

Il cerimoniale delle feste si conserva quasi identico a quello descritto da Gerald Brenan nel suo libro ‘A sud di Granada’ (Al sur de Granada). Nella tradizionale processione tra Bérchules e Alcútar, il patrono degli animali da pasto, esce accompagnato [...]

Notte di San Silvestro ad agosto

Bérchules

Questa è la festa più conosciuta a livello nazionale di Bérchules. Si festeggia il primo sabato di agosto dal Natale dal 1994 quando i berchuleros dovettero mangiare i chicchi d’uva (tradizione spagnola secondo la quale la notte di San Silvestro [...]



Login

Registro | Contraseña perdida?