Alberi con Storia

Cipresso. Patio de la acequia del canale del Generalife (Alhambra)

LoadingAggiungi ai Il mio Granada

Testimone dell’infedeltà di una sultana

La leggenda narra che questo cipresso, piantato in un patio del Generalife, fu testimone muto degli amori furtivi di Morayma, sposa del re Boabdil, con un leggiadro cavaliere della tribù degli Abencerrajes. Gli incontri degli amanti sotto la sua ombra, nelle notti di luna piena, vennero denunciati all’ultimo re moro di Granada. L’ira di Boabdil fu tale che in rappresaglia fece sgozzare molti cavalieri della nobile tribù musulmana. La leggenda ancora oggi identifica le macchie di ossido di ferro che si trovano nel fondo della fontana della Sala degli Abencerrajes dell’Alhambra con il sangue della vendetta. Probabilmente fu l’immaginazione dei viaggiatori romantici che visitarono Granada nel XVIII secolo che diede adito a questo fantastico racconto. Se il cipresso battezzato come Cipresso della Sultana potesse parlare forse racconterebbe storie ancora più favolose.

Il botanico José Tito e Manuel Casares credono che questo esemplare di cupressus sempervirens era più antico di Granada, fino alla sua morte, non molti anni fa,

In un’incisione del 1500 appare abbastanza cresciuto e in fila con altri alberi della stessa specie che diedero nome al luogo del Generalife dove si trovavano: Patio dei cipressi.

Secondo i botanici, dato il suo enorme volume, non c’è dubbio che risale all’epoca araba e che quindi visse più di 600 anni. La leggenda attribuisce la sua morte ad un fulmine. Ma Tito e Contreras pensano che morì di vecchiaia.

I turisti che visitano l’Alhambra oggi possono contemplare solo il suo tronco secco, che è la rovina del suo antico splendore e un’iscrizione che ricorda la sua leggenda. Il cipresso fa parte di uno dei luoghi con maggior incanto nella residenza estiva dei monarchi della dinastia nazarí. Insieme ad altri alberi –oggi inesistenti – fiancheggiava un patio con un stagno circondato da siepi di mirto che possedeva isolotti con frondosa vegetazione e un’altro stagnetto centrale con una fonte in pietra.

Dati Generali

Regione: Granata e l’ambiente circostante
Località: Granada
Se sei il proprietario di questo allogamento, puoi registrarti e modificare i tuoi contenuti.


Login

Registro | Contraseña perdida?