Alberi con Storia

Alloro. Residenza di suore Mercedarias.

LoadingAggiungi ai Il mio Granada

Gli allori che diedero riparo a Isabella la Cattolica

Il 18 giugno del 1491, la curiosità di Isabella la Cattolica per vedere da vicino la Granada che ancora non aveva conquistato, costò la vita a 600 mori e a non pochi cristiani. Secondo alcuni cronisti dell’epoca, la regina, il suo consorte Fernando, i suoi figli e le sue dame si salvarono al riparo di alcuni allori (Laurus nobilis) che tutt’oggi sono presenti nel municipio granadino di La Zubia. Questi arbusti, conosciuti come gli Allori della Regina, occupano quasi totalmente la superficie del giardino di una residenza di suore mercedarias che prima era un palazzo arcivescovile. Poco prima della conquista di Granada, culminata il 2 gennaio di 1492, era ‘una felice località su un pendio nella parte sinistra della città’, spiega Miguel Lafuente Alcántara nella sua ‘Storia di Granada’, (Historia de Granada) pubblicata nel 1846.

La ‘felice località’ quel giorno di giugno si trasformò in un campo di battaglia. Il capriccio di Isabella per vedere da vicino le torri dell’Alhambra fece in modo che il marchese di Cadice e un numeroso seguito di signori e saldati l’accompagnassero fino a La Zubia. La soddisfazione della regina contemplando ‘la prospettiva meravigliosa delle torri, i palazzi ed i giardini di Granada’ venne sconvolta ‘dai timpani di un esercito moro che avanzava verso di loro con le bandiere spiegate e il passo accelerato’, narra Lafuente Alcántara.

I cristiani uscirono in battaglia per difendere la regina. Il risultato fu di ‘600 mori morti ed altri 1.500 tra prigionieri e feriti’. Dei castigliani non si seppe niente. ‘Si pensa’, spiega Lafuente Alcántara ‘che la regina e la sua servitù corsero grave rischio nella battaglia’ e salvarono la vita nascondendosi dietro gli allori.

Questi alberelli, che raramente superano i 10 metri di altezza, hanno un tronco liscio e di fine corteccia. Le foglie sono dure e flessibili, con forma di lancia e quando vengono frantumate emanano un aroma molto gradevole. Come si sa, vengono usate per condire stufati. Per i romani l’alloro era simbolo di vittoria e lo usavano per incoronare i loro imperatori. I Re Cattolici vennero aiutati dagli allori nel campo di battaglia.

Dati Generali

Regione: Sierra Nevada
Località: La Zubia
Se sei il proprietario di questo allogamento, puoi registrarti e modificare i tuoi contenuti.


Login

Registro | Contraseña perdida?